Fare mountain bike dopo i 50 anni per restare in forma?

La risposta non può che essere si ma in sicurezza però

Anche questa interessante riflessione nasce da una vostra domanda:

Ha senso fare mountain bike dopo i 50 anni per restare in forma?

La risposta è si ma rispettando alcune regole di buon senso, scopriamole insieme

I ciclisti abituali  si sentono e sembrano più giovani di 10 anni rispetto ai loro coetanei. Anche la mountain bike è una forma di esercizio efficace e divertente e può essere praticata fino a quando il corpo lo consente.

Tuttavia, quando si raggiunge l’età della maturità (si spera), è necessario prendere alcune precauzioni che renderanno la mountain bike ancora più piacevole.

Andare in mountain bike dopo i 50 anni significa mantenersi in forma, fare stretching e recuperare bene post uscita.

È inoltre necessario gestire la dieta e l’idratazione per rimanere al top: il vostro impegno va gestito in modo intelligente. La mountain bike deve essere divertente e sicura.

Consigli per andare in mountain bike dopo i 50 anni

Ecco quindi alcuni consigli su come ottenere il massimo dalla mountain bike dopo i 50 anni.

Fare stretching e rispettare i recuperi

La cosa migliore da fare quando non si è in sella è fare stretching, mangiare correttamente e riposare.

Essere flessibili è la chiave di questa attività, poiché un corpo elastico vi aiuterà a pedalare senza problemi, è essenziale per evitare lesioni.

Lo stretching è assolutamente indispensabile per prevenire lesioni e contratture o crampi durante una uscita  intensa, ma attenzione dovete cominciare a fare stretching in modo delicato e poi aumentare, potete farvi consigliare da un personal trainer.

Anche la pratica regolare dello yoga è seguita da molti mountain biker, su YouTube troverete molti video con molti consigli su stretching e Yoga, soprattutto per i ciclisti.

Seguire una corretta alimentazione

Scegliete gli alimenti che vi piacciono e, di tanto in tanto, mangiate barrette energetiche insieme a cibi tradizionali: in particolare latticini e frutta fresca.

Molti alimenti contengono una miscela di carboidrati, proteine e grassi; le calorie necessarie provengono dai carboidrati.

La chiave è concentrarsi sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Ricordate che più si pedala, più si bruciano calorie e più ci si può divertire a tavola.

Fare attenzione a bere durante le uscite e prima

Un altro punto chiave è l’idratazione. Bevete bene, prima, durante e dopo. Soprattutto durante. Non esitate a investire in una borraccia anche termica o uno zaino con sacca di buon livello per essere sicuri di avere sempre a disposizione acqua nei trail.

Nel corso dell’uscita, non sentirete necessariamente la sete, ma credetemi, sotto il sole la disidratazione può avvenire rapidamente. Può provocare disagi e persino cadute. Fate attenzione, bisogna bere prima di entrare in crisi.

Sviluppare la forza e l’equilibrio

La mountain bike è uno sport fisico, più della bici da corsa , ed è molto più divertente e gratificante se si è in forma. Potete fare cross training e sviluppare la parte superiore del corpo e il petto.

Flessioni, squat, addominali sono movimenti di base per il rafforzamento e molti movimenti in mountain bike diventano più facili quando il corpo è in grado di gestire le esigenze fisiche.

Lo yoga come anticiparo è utile per l’equilibrio e il rafforzamento muscolare generale e vi aiuterà a mantenere l’equilibrio nella maggior parte delle situazioni.

Un elemento essenziale per gli over 50 è la costruzione di buoni muscoli del tratto addominale e dorsale ma non avete bisogno di addominali scolpiti comunque. Rafforzando gli addominali, si riduce il rischio di lesioni lombari, si sviluppa una migliore postura, stabilità ed equilibrio.

Nella mountain bike, una colonna vertebrale e un bacino stabili aiutano a trasmettere la potenza agli arti.

Una buona forma fisica generale favorisce anche un movimento ripetitivo potente come la pedalata.

Fatevi controllare il cuore

Chi pedala è in generale a rischio relativamente basso in termini di malattie coronariche, in quanto più magri obesi e in buona forma fisica. In genere si ha una pressione sanguigna e un colesterolo più bassi della media.

Ma la buona salute può talvolta nascondere i problemi cardiaci fino a quando non sono pronti a colpire. Solitamente congeniti o sviluppati a causa di uno stile di vita non sano in età giovanile, è bene  quindi essere consapevoli dei potenziali problemi.

Meglio sottoporsi a controlli regolari dal medico e monitorare tutti i parametri  come la pressione sanguigna, il colesterolo e la frequenza cardiaca. Ma gli esami davvero fondamentali sono l’ECG e il test da sforzo.

L’elettrocardiogramma è facile da fare: controlla che tutti i segnali elettrici del cuore siano ok. È preferibile eseguirlo regolarmente per stabilire una linea di base per il confronto, in modo da individuare più facilmente le anomalie successive.

È inoltre consigliabile sottoporsi al test di resistenza all’esercizio. Si tratta di correre su un tapis roulant e di verificare il funzionamento di tutte le funzioni vitali al limite. Si consiglia di farlo a tutti ma in particolare a chiunque abbia in famiglia una storia di malattie cardiache: io stesso l’ho fatto più volte.

Ascoltate il vostro corpo e il vostro cuore. Non ignorate mai il dolore al petto, la mancanza di fiato o qualsiasi cosa fuori dall’ordinario durante un esercizio fisico intenso.

Acquistare l’attrezzatura giusta e allenarsi regolarmente

La mountain bike ma anche l’ebike è uno sport che richiede abilità .

Alcuni mountain biker pedalano a occhi chiusi e non hanno bisogno di imparare le basi, altri hanno bisogno di più pratica o addirittura di un allenamento regolare con un allenatore.

La maggior parte dei biker autodidatti sviluppano tecniche o abitudini sbagliate.

Se si inizia ad andare in bicicletta in età avanzata, questo è uno svantaggio. Il gene del “coraggio” diventa recessivo con l’età, non ci si riprende  bene psicologicamente da un infortunio, causato da errori e mancanza di apprendimento.

Quindi, se vi dedicate alla mountain bike a cinquant’anni, fatelo bene e seguite un processo graduale di apprendimento. .

E abilità non significa alta velocità o alto rischio, ma controllo e divertimento.

Le mountain bike più recenti sono molto più stabilie  sicure sui sentieri rispetto a quelle di 20 anni fa.

Una buona MTB full con buoni pneumatic tubeless può spesso perdonare qualche errore. Inoltre, le protezioni come le ginocchiere le gomitiere e i caschi integrali sono ottime opzioni per darvi la sicurezza di migliorare e affrontare terreni più impegnativi.

E se avete bisogno della pedalata assistita di una bici elettrica, i progressi in questo campo sono stati notevoli.

Infine, non consiglio di andare in mtb da soli. Le uscite in gruppo sono un buon modo per divertirsi ma non solo,  è sempre rassicurante avere qualcuno che vi possa aiutare in caso di problemi tecnici o fisici.

Recuperate attivamente e perchè no fate un massaggio

L’organismo si depura dall’acido lattico attraverso l’attività. Quindi, dopo un grande sforzo, andate a fare una passeggiata, un giro tranquillo, portate a spasso il cane o passate del tempo con i vostri bambini e rilassatevi.

E non sottovalutate il potere di un massaggio per prevenire l’indolenzimento muscolare il giorno dopo una uscita intensa. Può fare miracoli.

Il massaggio favorisce la circolazione e consente di individuare le aree problematiche.

La nostra conclusione

Se volete dedicarvi alla mountain bike nella mezza età, fatelo pure. È il modo migliore per rimanere in forma e mentalmente sani.

Dovete comunque stare attenti e assicurarsi di essere in buona forma, ma una volta fatto un check-up completo, i sentieri vi aspettano!

Altri approfondimenti da leggere

Tanti consigli pratici per avvicinarsi alla mtb:

Informazioni su mtb-mania 68 Articoli
Dopo la grande passione per lo sci che mi ha portato alla creazione di Skimania.it non poteva mancare la Mountain Bike seconda mia passione totale.